Candle in the Wind

Candle in the Wind

31 mag 2012

Senza Tempo



..... E l’Amore guardò il Tempo e rise,
perché sapeva di non averne bisogno.

Finse di morire per un giorno,
e di rifiorire alla sera,
senza leggi da rispettare.

Si addormentò in un angolo di cuore
per un tempo che non esisteva.

Fuggì senza allontanarsi,
ritornò senza essere partito,
il Tempo moriva e Lui restava.....


Luigi Pirandello





26 mag 2012

No Light, No Light






Tu sei il vuoto nella mia testa
Tu sei lo spazio nel mio letto
Tu sei il silenzio che sta di mezzo
Tra quel che ho pensato e quello che ho detto
Tu sei la paura della notte
Tu sei la mattina quando il cielo è chiaro
Quando sarà finita, tu inizierai…
Tu sei la mia testa
Tu sei il mio cuore

Nessuna luce, nessuna luce nei tuoi occhi blu brillante
Non avrei mai pensato che la luce del giorno potesse essere così violenta
Una Rivelazione alla luce del giorno
Puoi scegliere ciò che rimane e ciò che svanisce
Ed io farei qualunque cosa per farti rimanere
Nessuna luce, nessuna luce…. dimmi cosa vuoi che dica

Tra questa folla, urlando verso di me
Al tuo posto c'erano mille altri volti
Io stavo scomparendo dalla tua vista
Che il Cielo mi aiuti
Ho bisogno di fare tutto per bene

Nessuna luce, nessuna luce nei tuoi occhi blu brillante
Non avrei mai pensato che la Luce del giorno potesse essere così violenta
Una Rivelazione alla luce del giorno
Puoi scegliere ciò che resta e ciò che svanisce
Ed io farei qualunque qualcosa per farti rimanere
Nessuna luce, nessuna luce
Dimmi cosa vuoi che dica…

Ma mi lasceresti andare
Se ti dicessi quello che ho fatto?
E avresti bisogno di me
Se ti dicessi quello che sono diventata?
Perché è così facile,
Dirlo in mezzo ad una folla
Ma è così difficile, amore mio
Dirlo a te, da sola....

Nessuna luce, nessuna luce nei tuoi occhi blu brillante
Non avresti mai pensato che la Luce del giorno potesse essere così violenta
Una rivelazione alla luce del giorno
Puoi scegliere ciò che resta e ciò che svanisce
Ed io farei qualunque qualcosa per farti rimanere…
Nessuna luce, nessuna luce
Dimmi cosa vuoi che dica…

Tu vuoi una rivelazione

Vuoi fare la cosa giusta
Ma è una conversazione
Che non posso fare stanotte
Tu vuoi una rivelazione
Una sorta di risoluzione
Vuoi una rivelazione
Dimmi cosa vuoi che dica...




23 mag 2012

ControVento



Ho scrutato con sacro terrore la tua bellezza.
Adesso
So perché molti uomini si sono fermati a piangere,
A metà strada tra gli amori che lasciano e cercano
E si sono chiesti se il viaggio li conduca da qualche parte.
Gli orizzonti assumono la morbida linea della tua guancia,
Il cielo ventoso è una cornice per i tuoi capelli.

A. Jodorowsky



19 mag 2012

Il Cuore non è normale


Nasciamo tutti diversi e ciascuno con il proprio peculiare modo d’interpretare la vita. Ognuno portatore di una ricca gamma di emozioni e sentimenti. Ognuno con il suo modo di amare.
Poi cresciamo, diventiamo grandi e viviamo in un mondo che ci spinge come pecore dentro un recinto di conformismo,dal quale spesso non è più possibile uscire senza sentirsi emarginati, incompresi e soli.
Dentro questo recinto, stereotipato e prevedibile, il cinismo e la competizione, purtroppo, sono i valori più quotati e chiunque si senta tenero, emotivo o sensibile è costretto a pagare il prezzo della diversità o a dover nascondere, a volte anche a se stesso, il proprio mondo interiore.

Questo stile di vita, teso soprattutto a raggiungere il consenso sociale, chiamato successo o realizzazione, poggia sui conseguimenti materiali e convenzionali e su un alto tasso di conformismo.
Per sentirsi socialmente realizzati bisogna avere:
1) un reddito. Col quale comprare…
2) una casa. Dove fare…
3) una famiglia. Con cui trascorrere…
4) le vacanze… viaggiare e incontrare gli amici e i parenti.
E bisogna farlo nei giorni prescritti, detti festivi o prefestivi, riunendosi e possibilmente mangiando insieme. Ma anche…
5) andando sempre d’accordo.

Chiunque non sia interessato a raggiungere e a rispettare questi traguardi in un tempo ragionevole, è considerato strano, socialmente emarginato, disadattato e, probabilmente, mentalmente malato.
La “malattia mentale” è la paura inconfessabile di molti. L’etichetta che sancisce la diversità e la conseguente emarginazione sociale, che terrorizza. Al punto che, segretamente, tante persone ricorrono ai farmaci pur di non ascoltare un sistema emotivo in contrasto con i dettami della società.
Bisogna essere come tutti gli altri.  NORMALI.
Anche nei sentimenti. Anche nelle emozioni.

Ma non tutti riescono a lobotomizzare la propria emotività per conformarsi agli standard sociali. Sempre più persone risentono del livellamento emotivo e dell’amputazione della propria creatività e le malattie psicologiche oggi più frequenti, la depressione e gli attacchi di panico, segnalano una falla nel conformismo. “Falla” che, a mio parere, non andrebbe “curata” ma valorizzata, esplicitata e incentivata.

Dentro questo scenario, la sofferenza psicologica diventa la conseguenza di un dover essere “emotivamente in un certo modo” impossibile da raggiungere, lo scarto tra un sentire giudicato illecito e un sentire considerato lecito, e costituisce spesso l’unica risposta sana davanti al tentativo di livellare i propri sentimenti in uno standard socialmente prescritto, chiamato normalità.
Così, mentre ci viene detto con insistenza cosa sia ragionevole provare nelle varie circostanze della vita, il cuore funziona a modo suo e prescinde dai dettami della ragione.

Il cuore segue una logica illogica, basata su valori diversi dagli status della normalità.
AMA.
Senza preoccuparsi se questo sia conveniente, intelligente, disdicevole o giusto.
E, per quanti sforzi compia, la ragione non riuscirà mai a modificare i sentimenti.
Può solo scegliere di non ascoltarli.
Chi ascolta il proprio cuore si apre alla verità di se stesso e trova la sua unicità. La creatività che guida la sua vita e le sue scelte.

Nell’A-normalità esiste la più profonda verità interiore di ciascuno.
Il cuore non è normale.
E’ vero.

C. S. Musio


16 mag 2012

Ci sarà






Forse non sai quel che darei
Perché tu sia felice
Piangi lacrime di aria
Lacrime invisibili
Che solamente gli angeli
san portar via

Ma cambierà stagione
ci saranno nuove rose

E ci sarà
dentro te e al di là
dell'orizzonte
una piccola poesia

Ci sarà
forse esiste già al di là
dell'orizzonte
una poesia anche per te

Vorrei rinascere per te
e ricominciare insieme come se
non sentissi più dolore
ma tu hai tessuto sogni di cristallo 
troppo coraggiosi e fragili
per morire adesso
solo per un rimpianto

Ci sarà
dentro e te e al di là
dell'orizzonte
una piccola poesia

Ci sarà
dentro e te e al di là
dell'orizzonte
una poesia anche per te

Perdona e dimenticherai
per quanto possa fare male in fondo sai
che sei ancora qui
e dare tutto e dare tanto, 
quanto il tempo in cui il tuo segno rimarrà
questo nodo lo sciolga il Sole 
come sa fare con la neve....

Ci sarà
e forse esiste già al di là
dell'orizzonte
una poesia anche per te.... solo per te....



08 mag 2012

L'Esistenza



Non esisti in quanto frutto del caso. L'esistenza ha bisogno di te. 
Senza di te nell'esistenza mancherebbe qualcosa: niente potrebbe prendere il suo posto.
Ciò ti dà dignità - il fatto che l'intera esistenza sentirà la tua mancanza.
Il Sole e la Luna, gli alberi, gli uccelli e la terra - ogni cosa, nell'intero universo, sentirà che un angolino è vuoto, e che nessuno lo può colmare, fatta eccezione per te.
Questo ti dà una gioia, un appagamento, poiché senti di essere in relazione con l'esistenza, ed essa si prende cura di te. 
Allorché sarai limpido e pulito, vedrai riversarsi in te da tutte le dimensioni un amore sconfinato.

Osho 



La figura nuda siede sulla foglia di loto della perfezione e osserva la bellezza del cielo stellato. Sa che "casa" non è un luogo fisico del mondo esterno ma una qualità interiore, fatta di rilassamento e accettazione.
Le stelle, le pietre, gli alberi, i fiori, i pesci e gli uccelli sono tutti nostri fratelli e sorelle nella danza della vita.
Noi esseri umani tendiamo a dimenticarlo, poiché inseguiamo i nostri scopi personali e privati, e crediamo di dover lottare per ottenere ciò di cui abbiamo bisogno. Ma il nostro senso di separatezza è solo un'illusione fabbricata dalle piccole preoccupazioni della mente.
Ora è tempo di permettere a te stesso di ricevere lo straordinario dono di sentirti "a casa", ovunque ti trovi.
Se lo fai, assicurati di concederti tempo per assaporarlo, in modo che possa sedimentare in te ancor più profondamente e accompagnarti sempre.
Se invece hai la sensazione che il mondo esiste per sopraffarti, è tempo di fare una pausa. Esci, e guarda le stelle.

02 mag 2012

Amami




Ora io ti guardo, ora tu mi guardi
Ora io ti cerco, ora ti nascondi
Ora io ti trovo, ora siamo qui
Ora e ancora così

Ora che ti tocco, ora non mi blocco
Ora le mie mani ti accarezzano la schiena
Ora la mia piena scioglie la catena
Ora una scintilla poi un antro di balena

Ora ti ringrazio per essere nata, per essere te
perche' t'ho trovata quell'ora, quel giorno, persa come me
Ora ti accarezzo e lo fai anche te

Crolla una parete, placami la sete
Pelle contro pelle, pesci nella rete
Prima di morire, conoscere l'amore
Prima dell'inverno, conoscere l'amore

Amami
Come se avessimo un solo giorno per far l'amore
Amami
Come se fossimo soli al mondo, soli al mondo

Ora ti assaporo, ora ti esploro
Fiume d'Amazzonia, vena piena d'oro
Ora le mie braccia stringono il tuo petto
Ora la bilancia in equilibrio perfetto

Ora siamo soli, fuochi d'artificio
Lama sulla pelle prima del sacrificio
Bagno la farina, metto un po' di sale
Ora tu ti affianchi e le mie mani fanno il pane

Mastico il tuo fiato, suono il tuo costato
cerco un po' di ombra poi mi sdraio sul tuo prato
Gioco coi colori, navigo gli odori
Ora sono dentro, ora sono fuori

Amami
Come se avessimo un solo giorno per far l'amore
Amami
Come se fossimo soli al mondo, soli al mondo

Amami
Come se fossimo soli al mondo
Come se fossimo soli al mondo
Amami

Ora e ancora
Ora e ancora
Ora e ancora

Ora l'universo trattiene il respiro
mentre noi qui sopra camminiamo sul filo
Ora l'universo trattiene il respiro
mentre noi qui sopra camminiamo sul filo

Ora ti respiro, ora ti catturo
Leggo nelle linee dei tuoi piedi il mio futuro
Ora mi sorridi, ora non ci credo
Che girato l'angolo, improvvisa, ti rivedo

Ora mi ubriaco dentro i baci tuoi
Tu fai ciò che voglio mentre faccio ciò che vuoi
Tu fai ciò che voglio mentre faccio ciò che vuoi

Amami
Come se avessimo un solo giorno per far l'amore
Amami
Come se fossimo soli al mondo, soli al mondo

Ora mi ricordo quello che volevo
Era proprio questo, ora sono vivo
Ora mi ricordo quello che volevo
Era proprio questo, ora sono vivo