Candle in the Wind

Candle in the Wind

09 gen 2012

Vampire Knight 77 notte - Yuuki e Sara


Il capitolo 77  inizia con un flashback di molti anni prima:
il giovane Kaname e Takuma vengono ingannati ancora una volta da Kaien, che li costringe ad andare in una località invernale. Proprio quando Takuma chiede se si tratti di una sorta di test, Kaien nomina i due gemelli Kiryu - Zero ed Ichiru - che giocano con la neve, fuori dalla finestra. Kaname li osserva e sembra sorpreso di trovare là i due gemelli, nati da una stirpe illustre di discendenti Hunters.
Fu in quel preciso momento che il terribile piano di Kaname prese forma ed ebbe inizio!

(fine flashback.)



Sara chiede a Yuuki se lei sarà la sua alleata, e in cambio lei le dirà quali segreti malvagi Kaname sta cercando di coprire. Takuma scatta fuori e dice a Yuuki di lasciar perdere, perché sarebbe terribile  se il sangue scorresse in Accademia. Sara richiama Takuma, che si scusa subito. Yuuki gli assicura che non ci sarà nessuna lotta, ma non può ignorare ciò che Sara ha appena detto. Poi dice a Sara che effettivamente in quello stesso momento, Kaname sta facendo una cosa imperdonabile, ma sembra che Sara abbia davvero paura sapendo che è il prossimo obiettivo, secondo ciò che ha detto Kaname. Stringendo le mani a pugno, Yuuki dice che non permetterà che Kaname faccia quello che desidera, e non le importa quale sia il suo segreto. Sara chiede se le darà la sua protezione. Yuuki le risponde che lo farà, come capo dormitorio, fino a quando Sara resterà all'interno della sua stanza.



Una volta uscita dalla stanza di Sara, Hanabusa dice di essere sollevato dal fatto che Yuuki sia uscita illesa dalla conversazione con la nobile sanguepuro; Yuuki ammette che fin dall'inizio, lei non si è mai fidata totalmente di Sara. Hanabasua le dice di stare attenta, perchè quelli dentro potrebbero udire. Yuuki dice che va bene, e poi continua dicendo che la prima volta che vide Sara [alla festa in casa Aidou, quando lei era ancora sigillata in forma umana], già pensò che lei non fosse così come si mostra. Si chiede poi quale altro segreto Kaname nasconda. 

Da qualche altra parte, il presidente della Day Class decide di andare al dormitorio Luna e Yori lo accompagna, chiedendosi come mai la sua memoria sulla classe della Notte non sia stata del tutto cancellata.
Il ragazzo le chiede perché mai lei lo stia accompagnando con lui e Yori risponde che anche lei vuole andare a vedere una sua amica.
Il capo dormitorio della Classe Sole dice che aveva visto Zero di buon mattino con una ragazza dai capelli lunghi in uniforme bianca che lo portava nella foresta. Yori capisce che si tratta di Yuuki, e sa che il ragazzo non si ricorda più di Yuuki. 
Poi, il ragazzo guarda una coppia di ragazzi in uniforme bianca che stanno prendendo dei farmaci confezionati in blister. Egli chiede a Yori se quella ragazza dai capelli lunghi, che aveva la stessa uniforme, non faccia parte della Night Class, ma Yori lo trascina via perché quei vampiri stanno guardando molto male verso loro due.
 Allontanandosi, il ragazzo scorge quella stessa ragazza dai lunghi capelli  insieme a Zero, che vanno di fronte ai due ragazzi. Questi dicono sgarbatamente al capo dormitorio femminile [ossia a Yuuki] di andarsene.



Yuuki dice a Zero di non immischiarsi, perché quello è il suo lavoro e Zero le risponde malamente di farla finita e di affrontarli rapidamente. Lei lo guarda interdetta, poi si avvicina rapidamente ad uno dei due vampiri, dicendogli che è proibito  inseguire gli umani nel collegio e che è contro le regole ferire gli studenti della Day Class. Poi, mentre li rimprovera, toglie loro le pillole ematiche che nascondevano in tasca. Chiede se le compresse sono la ragione che li ha portati a dimenticare tutte le cose che non si possono fare alla scuola.
I due vampiri allora si avventano su di lei per riprendersi le pillole, ma Yuuki le getta a Zero. I vampiri  [che sembrano influenzati dalle pillole di Sara] afferrano Yuuki per le braccia, mordendola.

 Zero immediatamente punta la sua pistola contro uno dei due vampiri, ma Yuuki gli intima di starne fuori. Poi dice ai due vampiri di calmarsi, di tornare in sè e di ricordare il motivo per cui sono andati in quella scuola. I vampiri, sorpresi dal loro comportamento audace nei confronti della sanguepuro Kuran, si ritraggono e chiedendo perdono si inginocchiano davanti alla nobile Yuuki. Si chiedono che cosa stessero facendo e affermano di essere pronti ad accettare qualsiasi punizione per l’imperdonabile gesto fatto.
 Yuuki è sorpresa che i due si comportino normalmente, ma poi capisce che è grazie al suo sangue, se i due si sono riavuti. Yuuki li tranquillizza, dicendo  che va tutto bene, sa che non è colpa loro e dal momento che è ancora giorno, ordina loro tornare alle loro stanze. Poi, si accorge della presenza di un ragno sulla spalla di un ragazzo. Lei lo prende ed il ragno vola via. Yuuki capisce che è una forma della nobile Sara, e che i due vampiri erano controllati dalla sua volontà.

Yuuki si volge poi verso Zero [che la guarda tra il sofferente e lo sdegnato] e lo ringrazia per averla comunque protetta…. ma quando cammina verso di lui, Zero sembra tirarsi indietro. Molto irritato, l’Hunter le dice di non avvicinarsi oltre a lui.  Yuuki, evidentemente dispiaciuta, accosta il braccio sanguinante al proprio petto,  ma Zero si allontana di fretta [sicuramente Zero soffre sia a causa del profumo del sangue di Yuuki che desidera ancora, sia del fatto che i vampiri la riconoscono come sanguepuro e loro leader.] Non hanno notato che un altro ragno li sta osservando da un albero.



Frattanto, la nobile Sara che tiene al guinzaglio una ragazza vampira [la serva del nobile Hanadagi, ucciso dalla stessa sanguepuro], ride di Yuuki e Zero, definendoli come ridicoli. Appoggiandosi al suo “animale domestico”, Sara dice che ha deciso di smuovere un po’ le acque tra i due, per vedere di portarli dalla sua parte, contro Kaname.
La povera ragazza incatenata le chiede con rabbia se ancora una volta, la malvagia sanguepuro vuole fare ciò che ha fatto con il suo nobile padrone Hanadagi, progettando di attaccare improvvisamente qualcuno che poi rimarrà intrappolato nei suoi piani malvagi. Sara le dice che le piace molto rendere “piacevoli” agli altri le cose che non amano, proprio come sta facendo con lei.

Zero arriva davanti alla camera di Sara e dice nervosamente ad Hanabusa che sarà lui a sostituirlo alla guardia della stanza della purosangue. Sara va alla porta ed augura a Zero 'buon lavoro' ringraziandolo del suo impegno di Guardian. Poi si avvicina al vampiro e gli dice: "Devo dirti qualcosa che non ho detto a Yuuki." e sussurra qualcosa al vampiro, che a tutta prima sembra turbato….poi l’Huter fa un sorriso incredulo a ciò che la nobile gli ha appena detto.



Nello stesso momento, Yuuki si reca nella Night Class. La giovane Kuran annuncia a tutti che ha intenzione di effettuare un controllo in tutto il dormitorio, e se i vampiri non vogliono che lei si metta ad esaminare ogni appartamento, è bene che le consegnino spontaneamente tutte le [nuove] compresse che hanno. Li avverte infine [con un piglio autoritario che ricorda tanto il nobile Kaname Kuran] che anche se le nascondessero, lei saprebbe sicuramente trovarle.



Quale segreto terribile ha rivelato la nobila Sara a Zero su Kaname? Sarà la verità?
E questa rivelazione potrebbe allontanare Zero da Yuuki e renderlo alleato di Sara?
Lo scopriremo nel prossimo capitolo: 78 - Corruzione! 

FONTE: Vampire Knight Forum Community 

16 commenti:

  1. Non conosco questo fumetto... ormai ho allentato un sacco la lettura dei fumetti, e dal Giappone sono anni che non m'entusiasma nulla come un tempo... questo qui nemmeno.. boh, sono cambiati i tempi XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. ciao Miki! ^_^
    io sono fissatissima con i manga di Vampire Knight, dall'anime in tv sono passata alle scans online del manga - che è molto + bello e diverso come tutti i libri dai film che ne vengono tratti - e poi ho finito per acquistare tutti i volumi!
    per me (che amo molti manga e anime giapponesi) questa storia è la più bella che abbia mai letto, amo le storie di vampiri e soprattutto amo la storia di Yuuki e Zero!!!! ^_^

    .....in effetti quando si tratta di anime e manga divento un pò (anzi: parecchio) bambina.....vabbene che parlo con chi possiede tutti i dvd di Topolino, ma sono a livelli vergognosi.....su fb intrattengo infinite discussioni con le ragazzine ventenni per questo manga! :-X

    RispondiElimina
  3. Aspettavo un post del genere, perché dal tuo blog e dai tuoi contatti è lampante che ti piacciano molto i manga, e avevo una domanda in serbo da tempo, e aspettavo un post correlato per non porre domande fuori posto: cosa ti piace dei manga? So che ci sono molte persone che adorano questi fumetti, che amano disegnarli, e che addirittura studiano la lingua e i kama giapponesi per entrare più direttamente in questo mondo appartenente al sol levante, cosa secondo te, manca ad un topolino che invece il manga ha?

    P.S. Scusa l'ignoranza, ma mi piace sapere cosa provano le persone e cose sperimentano per certe passioni, hobby ecc...

    Ispy

    RispondiElimina
  4. maddai Ispy, potevi benissimo chiedere anche in un altro post, vedi che qui molti amici scrivono quel che vogliono anche se non c'entra nulla col post! :-)

    ok, cercherò di risponderti in modo semplice: cosa mi piace del manga?
    TUTTO!!! ♥
    tu stesso hai notato come chi ama i manga spesso faccia parte dei mangaka, disegnatori dei fumetti: io infatti amo disegnare, e non c'è niente di più importante - ma parlo a titolo personale; alcuni otaku ti diranno che preferiscono una trama robusta o originale alla qualità dei disegni.... - ma per me la grafica anche in un anime è fondamentale, amo i disegni accurati o semplicemente fatti bene, come quelli di Vampire Knight!

    è anche vero che amaniamo il giapponese, infatti io preferisco vedere gli anime ed i film in lingua originale piuttosto che in italiano: ma non sono PAZZA, è una cosa normale tra otaku, cerchiamo di parlare tra noi utilizzando qualche parola di giapponese, e poi ci sono quelli che studiano anche la lingua - io l'ho fatto un pò, ma sinceramente non ho il tempo necessario per farlo bene, ma vorrei poter andare in Giappone per questo motivo!

    insomma: in realtà non so spiegarti davvero che cosa possa spingere un amante di anime e manga a preferire un manga giapponese ad un Topolino;
    ti direi che nascono e sviluppano una concezione molto diversa tra loro, che sono il frutto di due mentalità molto differenti come quella dell'Occidente e dell'Oriente....non riesco a pensare a qualcosa di più lontano tra uno zio Paperone, un Gastone, una Minnie, lo stesso Topolino, ed uno Zero, un Kaname, una Kikyo, un Inuyasha, una Nana, un Ken, un Sebastian, una Misaki....cioè sono personaggi che fondano la loro ragione d'essere su una cultura opposta l'una all'altra: potrei spiegartela, ma dovresti leggere qualche manga o vedere uno o due anime per capirne la differenza.
    ti dico solo che il mondo orientale non si basa sulla forma, ma predilige la sostanza nelle cose; che non è mai diretto ma sempre introspetttivo ed intuitivo, e nulla è mai come sembra, non puoi giudicare o comprendere una storia se non dopo la fine di essa; che ha una idea diversa di felicità e di successo, rispetto al mondo occidentale...
    in realtà, anche i fumetti come Topolino mi piacciono ed hanno i loro pregi, infatti credo che quello che ti ho scritto finora sia comunque riduttivo: sarebbe un pò come chiedermi perchè amo la notte rispetto al giorno, o il caldo rispetto al freddo!

    credo che siano gusti personali, non c'è un motivo se non un sentire che rispecchia maggiormente il nostro essere! :-)

    RispondiElimina
  5. Io sono amante del fumetto, da sempre.
    Non scherzo se dico che ho imparato a leggere, coi fumetti, grazie a mio padre che mi comperava la rivista PIU' contenente le avventure dei Masters of the Universe (He-man e Skeletor, per intenderci), i Fabuland Lego e altri ancora.
    Quindi, sono legatissimo al fumetto.

    Non ho mai fatto distinzione sulla provenienza di un'opera, considerando però che è effettivamente vero che ci sono delle "scuole" diverse. Quella giapponese, che amo molto (il mio fumetto preferito, tuttora, assieme all'italiano Diabolik, è proprio un manga, parlo del sommo Berserk di K. Miura) è sicuramente intrigante perché ha introdotto un modo di narrare diverso dalle altre scuole.
    Innanzitutto storie che cominciano e (prima o poi) finiscono, cosa che in occidente è appannaggio solo di pochissime serie perlopiù non commerciali; poi la dinamicità del tratto, la divisione inedita di una tavola... tutto molto cinematografico (e ormai sempre più usato dagli artisti occidentali, cominciando da Frank Miller in Electra e finendo praticamente a moltissimi altri oggigiorno).
    Anche il modo di narrare una storia è profondamente diverso, alla base.
    Proprio come dici, Scarlett.
    Il "manga" (ma oramai nemmeno più, però...) ha sempre una base filosofica, spiritualista, o si rifà -nelle fondamenta- ad archetipi particolari.
    Che non sono quasi mai bene vs male (come poteva essere fino a qualche decennio fa nella società occidentale, specie USA), ma hanno sempre contorni più sfumati.

    Parlando dei cartoons, è vero che UN episodio di una serie non potrà mai eguagliare UN episodio di Mickey Mouse in quanto ad arte generale: gli anime (una serie commerciale) venivano (vengono?) prodotti dagli studi spesso in fretta e furia settimanalmente, e pure quando possono fregiarsi di ottime collaborazioni (penso al grandissimo Araki, recentemente scomparso, e a Michi Himeno) resta quasi sempre un prodotto d'industria.

    Le eccezioni ci sono (tuttora il mio cartone preferito è Lady Oscar - Le rose di Versailles), resta che anche anime e cartoons (che significa la stessa cosa) hanno delle differenze sostanziali.
    In Giappone si tende molto a valorizzare la regia stessa, quasi come fosse un film vero e proprio... quindi una puntata di un "anime" ha molta più presa e molto più appeal rispetto ad una puntata di un cartoon (tralasciando i classici Disney o WB) che sono sempre abbastanza piatti.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. @Scarlett: 'Anche tu sei un otaku?' (Otacon - Hal Emmerich - Metal Gear Solid)
    Mi è venuta in mente questa citazione dal gioco MGS, in cui il dottor Hal Emmerich, che è prigioniero nella base nucleare di Shadow Moses, è adoperato per inventare la nuova arma, il Metal Gear, e rivolge questa domanda a Solid Snake quando lo salverà (gioco giapponese tra l'altro). Fammi passare questo commento fuori luogo, ma io sono uno che ripensa a quel gioco anche sentendo una parola ripetuta più volte nel gioco, come il famoso 'dannazione!' di Snake. ^^

    Capito, sei un otaku, e questo mi piace, forse proprio inconsciamente poiché lo ricollego al gioco, ma dalla mia ignoranza, anch'io son riuscito a distinguere qualcosina tra le anime e i fumetti classici. Intanto noto che i personaggi dei fumetti manga, nonostante disegnati da giapponesi, abbiano degli occhioni riverberanti modeste quantità di luce, come se la grandezza di questi ultimi fosse direttamente proporzionale all'emozione che prova l'anime, e la luce sfavillante occorre per evidenziarla ancora di più, erro? Strano anche che i giapponesi non riproducano i loro tratti somatici nelle loro anime, perchè?
    Poi noto anche che i personaggi, siano tutti bellissimi, sia uomini che donne, con tratti androgini per gli uomini e delicatissimi e quasi angelici per le donne, con capelli sempre delicati e lisci, inoltre, sembrerebbero anche molto alti e magri, come se non ammettessero gli ordinari inestetismi dell'essere umano, aggiungo anche, che gli uomini-ragazzi non hanno mai la barba e che le donne-ragazze spesso hanno capelli di colori improbabili (viola-blu). Come mai?
    Io mi son fatto una piccola idea, magari banale, ma credo che attraverso l'anime, il disegnatore voglia più disegnare l'ANIMA dei personaggi piuttosto che l'ingombrante e gravoso corpo, come se vedessero dentro al personaggio e non solo fuori, e credo che la bellezza degli stessi e quegli occhi giganti, ne siano la prova.
    Forse ho detto una panzana colossale, perdonatemi. ^^

    Ispy

    RispondiElimina
  7. Ispy ti rispondo io:
    gli occhi grandi sono disegnati così perché maggiormente espressivi, e non è una prerogativa degli anime (al maschile^^) ma ad esempio anche Disney ha usato questo espediente.

    E' vero che non disegnano mai (o quasi mai) personaggi inestetici, o per meglio dire, li disegnano spesso ma sono caricature (i vecchi, ad esempio, o le spalle del protagonista).
    Non so il perché.
    Come non so il perché dei capelli colorati in modo estroso... è una cosa che ho sempre accettato così com'è... la tua idea comunque mi piace molto.

    Moz-

    RispondiElimina
  8. ciao ragazzi......scusate il mio piccolo ritardo ma oggi il mio portatile si è alzato col piede storto e adesso è in assistenza......arrrggggghhhhh povero forse è un problema del sistema di raffreddamento, se tutto va bene lo riavrò tra 4 giorni -.-'''''intanto utilizzo un dei portatili di casa - ne abbiamo uno per persona, grazie al cielo la tecnologia è ai massimi livelli!

    allora: ho letto i vostri commenti e sono contenta che l'argomento MANGA sia stato accolto con entusiasmo....

    davvero Miki non sapevo che fossi un intenditore di fumetti: io mi sono avvicinata relativamente tardi a questo genere, e trovo che le tue riflessioni siano tutte azzeccate...io avevo volutamente evitato il termine "spirituale" riguardo alle produzioni nipponiche per non tacciare conseguentemente quelle occidentali di materialismo, ma tant'è.....che lo hai detto tu!
    Lady Oscar rimane tuttora il mio cartone animato preferito, ed a proposito è il primo soggetto che ho disegnato, a 14 anni, e da allora ne ho fatti tanti disegni, ma resto molto legata ad Oscar affettivamente :-)

    Ispy sì mi piace definirmi una otaku, sebbene non raggiunga i livelli di preparazione e competenza delle mie amiche bloggers qui....infatti non guardo molti anime contemporaneamente e soprattutto non leggo molti manga diversi.
    Le tue idee sui disegni mi hanno colpita molto...anche io ho sempre pensato che i giapponesi abbiano una fissa con gli occhi grandi - anche se posso dirti che per loro è una cosa affascinante la forma ed il taglio "grande" che abbiamo in occidente, quindi potrebbe anche essere un volersi distaccare dalla loro fisionomia - ha ragione Miki quando dice che non è una prerogativa orientale questa degli occhi disegnati così grandi, ma penso che la tua idea di esprimere l'anima del personaggio attraverso gli occhi sia affascinante....mi piace!

    riguardo ai colori improbabili dei capelli e degli occhi, credo che sia una caratteristica del mondo dei fumetti, una volontà di distaccarsi dal reale a tutto vantaggio della fantasia...ed in effetti questo costituisce una delle attrattive maggiori del genere, almeno per me! :-)

    RispondiElimina
  9. Beh Scarlett, ora spingerò per farti appassionare a Berserk ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  10. Berserk non lo conosco! Chi è? anzi: che cos'è? :-)

    RispondiElimina
  11. Sacrilegio!!!!!
    E' uno dei fumetti migliori al mondo (senza esagerazione).
    E' scritto e disegnato da Kentaro Miura, è ricco di azione, mistero, esoterismo, complotti...
    Ambientato in una pseudoEuropa pseudomedieval-rinascimentale, parla della vita di Guts, che sin da piccolo viene abituato all'arte della guerra, finendo poi per entrare, quindicenne, nella gloriosa Armata dei Falchi, un famoso gruppo mercenario il cui capitano, Griffith, efebico soldato ambizioso e misterioso, mira a salire di grado facendosi spazio tra le milizie ufficiali del Regno delle Midlands.
    Cominciano così una serie di avventure, agguati, attentati... e anche incontri col sovrannaturale. Il protagonista cambierà strada diverse volte, e si porrà degli obiettivi da raggiungere...

    Non posso svelarti altro perché qualsiasi cosa sarebbe spoiler...
    ...ti dico solo che è un'opera molto esplicita, sia come violenza sia come scene osée, ma mai gratuita.
    Un gioiellino.

    Moz-

    RispondiElimina
  12. Mi sono sempre promesso che Berserk inizierò a leggerlo, non so quando, forse quando avrò qualche spicciolo in tasca, ora finisco di leggere 'le quattro cose ultime' e poi inizio a divorare qualche romanzo di King. ^^

    Ispy

    RispondiElimina
  13. ahahahahahaha sacrilegio? Miki smettila di fare il misteroso!! ^_^

    ma dimmi: è in produzione tuttora? oppure si deve acquistare in ristampa? e da cosa nasce il titolo? è il suo nome in codice?

    mi piace molto la trama, mi ricorda - come ambientazione + che altro - Assassin's Creed! io amo molto le storie medievali, anzi amo tutto ciò che si rifa al medioevo!
    hai mai visto I Pilastri della Terra? io ho i dvd sono 8 puntate, lo hanno trasmesso recentemente su Rete4.....che storia fantastica, tra magia, complotti, amore, arte e misteri!
    se ti piace il medioevo devi vederlo! ;-)

    Ispy di chi è Le quattro cose ultime? di che parla? non lo conosco.....
    io sto leggendo invece la "Linguistica Italiana" in vista del TFA per l'abilitazione all'insegnamento che dovrebbe uscire a marzo: che bel testo, mamma mia, pieno di immagini di foni, fonemi, morfi, lessemi...un gioiellino!! XD

    RispondiElimina
  14. Scarlett: Berserk è in produzione tuttora, dal 1989.
    Ne sono usciti, finora, 36 volumi... un tempo ne uscivano due l'anno, ora solo uno, visto il grande dettaglio di disegno (davvero il miglior disegnatore sulla piazza) e la complessità della trama, intrecciata, misteriosa...
    Berserk è il titolo reale dell'opera e si rifà al nomignolo che avevano i guerrieri nordici, i berserkr, che si lanciavano in battaglia come in stato di trance senza sentire dolore o placarsi. Addirittura così tanto da non riuscire a distinguere più alleati da nemici.

    Guts, il protagonista, è così: non ha conosciuto nient'altro che la Spada, nella sua vita, pertanto si fa strada nel mondo attraverso di questa, nel bene e nel male.
    E' un'opera molto profonda, filosofica, esoterica, e dannatamente umana: umana in tutte le sue sfumature, partendo dalle più bieche e basse fino a quelle più sublimi.

    Riassumerlo è impossibile, vista anche la struttura dell'opera in sé, tra presente, passato e poi presente...

    Nel 1997 ne fu tratta una serie tv, arrivata anche da noi nel 2001-2002 persino su Italia1 (attorno alla mezzanotte, per evitare censure che sarebbero state necessarie):
    La serie tuttavia non rende giustizia all'opera, coprendo solo fino al vol.13 e saltando persino molti personaggi e situazioni.
    Qui un trailer italiano, che però rende bene le atmosfere:
    http://www.youtube.com/watch?v=YzEx2GOZXfM

    Tra un mesetto in Giappone partirà una lunga serie di film cinematografici, animati, prodotti dalla Warner.
    Quindi, preparati a sentir parlare molto di Berserk!

    Trailer qui:
    http://www.youtube.com/watch?v=0d2TsSKly-o

    E infine, una mia recensione dell'opera... se ti va di leggerla^^

    http://mikimoz.blogspot.com/2006/12/recinzione-n1-comicbook.html

    Moz-

    RispondiElimina
  15. che storia affascinante, ho letto il tuo post ed ho visto i due trailer...mi ricorda un pò Ken - Il Guerriero nella violenza dei combattimenti e in certi caratteri dei disegni!

    ok mi hai sufficientemente incuriosita; la storia di Berserk sembra strana e ingarbugliata al punto giusto! devo farmi una ricerca su internet per i primi volumi! :-)

    RispondiElimina
  16. Bene, una nuova adepta ... pronta a lottare contro la Mano di Dio... poi fammi sapere ;)

    Moz-

    RispondiElimina