Candle in the Wind

Candle in the Wind

06 giu 2012

Sonetto 109




No, non dire mai che il mio cuore è stato falso
Anche se l’assenza sembrò ridurre la mia fiamma;
come non è facile ch’io mi stacchi da me stesso,
così è della mia anima che vive nel tuo petto:

quello è il rifugio mio d’amore; se ho vagato
come chi viaggia, io di nuovo lì ritorno
fedelmente puntuale, non mutato dagli eventi,
tanto ch’io stesso porto acqua alle mie colpe.

Non credere mai, pur se in me regnassero
tutte le debolezze che insidiano la carne,
ch’io mi possa macchiare in modo tanto assurdo
da perdere per niente la somma dei tuoi pregi:

perché niente io chiamo questo immenso universo
tranne te, mia rosa; in esso tu sei tutto.


W. Shakespeare







13 commenti:

  1. che romanticone, Guglielmo^^

    Amo molto le sue opere, Otello su tutte (per via di Iago :p).
    La sua caratterizzazione dei personaggi è davvero intensa.

    Comunque, resta un romanticone, date le sue parole nel sonetto...! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì Miki
      e pensa: questo non è tra i suoi Sonetti più romantici!
      ti assicuro che ve ne sono di sdolcinati.... mastro Shakespeare era un uomo romantico ma anche molto astuto.
      Vedi come gioca con le parole che richiamano concetti opposti?

      Io amo tutte le opere di Shakespeare, specie le tragedie Romeo & Giulietta, Amleto, Sogno di una Notte e Molto rumore per nulla; ma i Sonetti sono i miei preferiti e qui sul blog ci sono i miei preferiti - dato che li leggo spessissimo!

      Mi è stato regalato un libro - che mi è caro come poche cose - in cui sono raccolti tutti i Sonetti, scritti sia in lingua che tradotti in ita e con delle illustazioni di un pittore contemporaneo, e leggendoli sono rimasta affascinata dal suo stile!

      Non è solo quello che dice - sebbene le sue dichiarazioni d'amore siano insuperate in letteratura quanto a grazia e bellezza: è anche come lo dice, la scelta delle parole e quell'accostare dei concetti opposti, per renderli un unico insieme magnifico... per farla breve: è un grande taoista! ;-)

      Elimina
    2. Beh, sì... Shakespeare è una delle pochissime cose che amo della lett. inglese, pensa tu^^
      E' insuperabile, non c'è che dire.

      Moz-

      Elimina
  2. E' davvero un'elogio alla sua amata, un qualcosa che nessun essere potrà mai spiegare, si chiama amore!
    PS. c'è un premio per te sul mio blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì hai ragione!
      come un altro premio..... ah ma tu mi vizi così!! ;-)

      Elimina
  3. Adoro Willi ^^ è il mio più grande amore<3 piacere, io mi chiamo Helene :) se vuoi passa da me ^^ adoro il to blog, e poi già il fatto che ti piace Shakespeare...:) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Helene
      benvenuta nel mio blog! :-)

      chi ama Shakepseare è sempre il benvenuto qui!
      grazie per il tuo apprezzamento
      a presto

      Elimina
    2. Che romantica poesia...
      Ti abbraccio e ti auguro un buon fine settimana!

      Elimina
    3. grazie Titti
      un abbraccio anche a te,
      buona settimana :-)

      Elimina
  4. In questo blog si parla spesso d'amore, di amore vero, di amore platonico, illusorio...ma sempre di amore si parla.

    Credo di aver detto spesso la mia su questo sentimento delicato e sconvolgente nello stesso tempo, io posso solo ribadire a me stesso che attendo quella forza magnetica che mi attrarra a sé, attendo quella luce forte ma non accecante, quel calore intimo ma non soffocante.

    Estate 2012, fa che tu mi voglia bene!

    Ispy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te lo auguro di cuore, caro Ispy

      ti auguro ti trovare un Amore vero
      che ti rinfreschi come pioggia e riscaldi come fuoco

      :-)

      Elimina
  5. Nessuno come Shakespeare mi legge e mi interpreta. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so... non è un caso che fosse omosessuale... ;-)

      baci Eva

      Elimina