Candle in the Wind

Candle in the Wind

30 nov 2012

Mr Nemo Nobody



Non si può tornare indietro... per questo è difficile fare una scelta;
ma fin quando non si sceglie nulla… tutto è possibile.


Come puoi essere cosi' sicuro che anche tu esisti?
Tu non esisti, e neppure io.
Siamo il frutto dell'immaginazione di un bambino di nove anni 
messo di fronte ad una scelta impossibile.
 Negli scacchi si chiama Zugswang. 
Quando l'unica mossa possibile è quella di non muovere.






Surreale, onirico, filosofico e fantascientifico, con immagini che richiamano il miglior cinema di Linch, e la razionalità della teoria di "Matrix".

Così potremo definire "Mr Nobody", del regista belga Jaco van Dormael, un film incredibile che nelle sale italiane non è stato molto attenzionato.

Nonostante gli accenni a "Sliding Doors" e "Vanilla Sky", la pellicola è talmente innovativa da risultare un esperimento alquanto rischioso: per quante volte la si possa guardare, le si dà ogni volta un significato diverso.
Attraverso un gioco di dimensioni parallele o realtà alternative, la storia cambia infinite volte, infatti, tante quante le scelte del protagonista, e le variabili ad esse collegate.

Spiegare la trama in quest’ottica è alquanto difficile, vista la mutabilità narrativa.
Nemo Nobody, ossia Nessuno Nessuno! (Jared Leto) è un bambino che si trova davanti alla impossibile scelta di dover decidere con quale dei genitori andare a vivere, quando decidono di separarsi. La sua vita prenderà strade diversissime, in funzione proprio di quella scelta, e di tutte le altre che il destino gli porrà davanti.
E Nemo, nel 2092 alla veneranda età di 120 anni, in un futuro in cui è l’ultimo mortale rimasto, rivive, raccontandole, tutte le sue scelte e le relative conseguenze, come se le avesse vissute tutte.

In un intrecciarsi di realtà e mondi possibili, definiti dall’effetto farfalla,
(Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo, "The Butterfly Effect"), per cui ogni evento, anche quello più insignificante, può causarne un altro di proporzioni enormi, ogni scelta fatta da Nemo determina una storia diversa... una vita diversa.
Così l’esistenza di Nemo si scompone e si riunisce infinite volte, tanto da arrivare a chiedersi se gli avvenimenti che vediamo siano mai esistiti o siano solo la fantasia galoppante di un bambino o la smemorata visione di un vecchio ultracentenario con accenni di demenza senile.
E così l’amore, le paure, le ambizioni, si confondono nella possibile scelta del protagonista di sposare, una alla volta ma contemporaneamente, tre donne diverse, Anna (Diane Kruger), Elise (Sarah Polley), Jeanne (Linh-Dan Pham). E ogni volta, in ogni realtà, un milione di altre scelte si palesano una dopo l’altra come i tasselli del domino.

Costruito in maniera folle, come solo i pensieri sanno essere, il film si avvale di una serie di immagini e fotogrammi uniti in sequenza, come fossero frammenti di ricordi che si uniscono dando vita ad un puzzle multidimensionale.
La cosa strana è che in tutto questo caos di racconti non ci si perde mai, e nonostante il regista e sceneggiatore balzi da una realtà possibile all’altra in modo illogico, noi riusciamo a seguire il suo filo conduttore e a divertirci con il suo giocare col Destino, guidati da una colonna sonora che pare ci tenga ancorati alla realtà che noi conosciamo, nonostante il pericoloso viaggio psichico che stiamo compiendo.

Probabilmente bisogna essere un po’ smaliziati alle incursioni irrazionali e alle divagazioni dialettiche per poter apprezzare questo film, ma chi riuscirà a penetrare attraverso la bizzarra visione del film, potrà godere di due ore di un viaggio allucinante, senza bisogno di sostanze stupefacenti.
Da vedere assolutamente!


14 commenti:

  1. Suvvia, magari siete il parto mentale di un ragazzino di 12 anni :p

    Cavoli, un altro film da mettere in lista... questo mi piacerà sicuramente.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Mi hai messo curiosità... lo aggiunga tra 'lista dei desideri' su amazon... :D

    Ispy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo Ispy, e quando lo arai visto voglio leggere un POST su quello che ne pensi! ;-)

      Elimina
  3. Ragazzi,
    voi che amate Linch, DOVETE vedere questo film!

    Personalmente credo che sia uno dei film più belli che abbia visto quest'anno... lo metto nella mia TOP 5, assolutamente!

    Nemo è un ragazzo che non sa scegliere, perchè teme le conseguenze delle scelte che farà nella sua vita, già tragicamente segnata dalla separazione dei genitori: ma posso dirvi che la chiave di lettura del film è assolutamente aperta, e anzi essa può sorprendentemente cambiare ogni volta che vedi il film!

    Quel che mi ha colpito è che Nemo a 118 anni afferma che "non importa ciò che scegliamo perché ogni scelta, una volta compiuta, ha lo stesso significato di qualsiasi altra scelta alternativa."[

    La verità che ne viene fuori è che l'uomo è soggetto al caso, alle dimensioni con cui costruisce la realtà (altezza, lunghezza, larghezza e tempo) e all'immaginazione di se stessi.
    Una volta che Nemo conosce i risultati di ciascuna scelta, lui istintivamente opta per un'altra... ma nel finale(quel che io ho scelto di vedere!) Nemo si accorge che tutte le strade lo portano sempre ad una meta: e così alla fine si ribella al caso, al destino e alla sua incapacità di scegliere, e sceglie SE STESSO e ciò che ama veramente.

    RispondiElimina
  4. Scarlett, purtroppo ho da (ri)vedere una serie di film che mi servono per la tesi, quindi -nonostante questo mi attiri molto- credo dovrò aspettare.

    L'unico film per cui non aspetterò sarà DJANGO, che farò mio appena si azzarda ad uscire al cinema :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah sì, ne abbiamo parlato! anche io voglio vederlo! :-D

      Elimina
  5. Non vedo l'ora:
    schiavi + cacciatori di taglie + negrieri stronzi + pistolettate... il tutto nel far west... in salsa pulp.
    Cosa CAZZO si può volere di più?^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah... parli come mio padre Miki!!! XD

      Elimina
  6. Ah sì? Ma tuo padre dovrebbe dire
    "cosa MINCHIA si può volere di più?" :p :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti non ci avevo pensato!
      siete nati lo stesso giorno ma lui ha sessanta e passa anni... è un pò tradizionalista! ;-)

      Elimina
  7. Ehehe ;)
    Ma immagino che un po' abbia dodici anni anche lui :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no Miki, lui è direttamente IMMORTALE...!!!

      Elimina
  8. Il nosferatu della Trinacria?
    Beh... chapeau!! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah ho detto IMMORTALE, mica NON-MORTO!!!! :-D

      Elimina