Candle in the Wind

Candle in the Wind

06 ott 2011

Arrivederci Steve


La Apple ha dato la notizia attraverso l'Associated Press: "Steve Jobs è morto".
Il creatore dell'iPhone e del Macintosh, l'uomo che ha "creato due volte" il marchio-simbolo della nostra era digitale, all'età di 56 anni ha perso l'ultima battaglia: quella contro il cancro al pancreas che lo aveva colpito una prima volta nel 2004. 


Non è per le sue grandi innovazioni - ha reinventato praticamente ciò che già esisteva, iPod, iPad, iPhone, e ne ha fatto l'eccellenza - che voglio ricordarlo: lo ricorderò sempre per questo discorso che ha tenuto ai neolaureati di Stanford, 
il 12 giugno 2005.


Queste parole mi hanno tante volte aiutato a credere, a scegliere, a cambiare.

E' vero, nessun uomo vuole morire, ma voglio credere che la Morte non sia la fine di tutto: è un'altra Porta che si apre sull'Ignoto e sull'Infinito, un Ritorno al luogo in cui eravamo prima di nascere, a cui tutti prima o poi dovremo tornare. 





Abbiate fiducia nel vostro cuore!
Non accontentatevi!
Continuate a cercare ciò che amate!
Cambiate ciò che non va bene,
non c'è niente che possiate perdere, siete già nudi!
 
Siate affamati, siate folli!

2 commenti:

  1. Anch'io ho letto la notizia e mi è spiaciuto molto...ero convinta che riuscisse a vincere ancora contro la malattia...

    RispondiElimina
  2. Anne anche io lo speravo, ma non ce l'ha fatta...dobbiamo accettare il fatto che ci sono cose che non possiamo nè sconfiggere ne comprendere; non ancora, almeno...
    Steve non c'è più, ma il suo ricordo ed i suoi insegnamenti sopravviveranno insieme a noi:

    "Ricordare che stai per morire è il modo migliore per evitare la trappola di pensare che tu abbia qualcosa da perdere. Ricordate che si è sempre nudi, e che non c'è nessuna ragione per non seguire il proprio cuore, sempre".

    RispondiElimina